top of page

Rubrica parliamo di...Il sistema del prezzo valore


Il prezzo valore è pari al valore catastale del bene, che si ottiene moltiplicando la rendita catastale complessiva del fabbricato per un coefficiente predeterminato.

Il calcolo delle imposte sul prezzo-valore è stato inserito nell'anno 2006, il fine è di assicurare trasparenza ed equità nel prelievo fiscale, nonché una rilevante tutela dell'acquirente.

La determinazione delle imposte calcolate sul Valore Catastale e non sul Valore di Acquisto dell'immobile, limita i controlli di accertamento di valore da parte dell'AdE.


Il calcolo di imposte sul prezzo-valore è applicabile a tutti quegli immobili ad uso abitativo e loro relative pertinenze e dove le compravendite non sono soggette ad IVA.


Anche se oggi è divenuta prassi consolidata, l'acquirente deve formalmente richiedere al Notaio rogante l'applicazione del prezzo-valore.

È bene far verificare il valore catastale che può comunque essere in alcuni casi maggiore del corrispettivo di acquisto, in questo caso è bene farsi consigliare dal Notaio per evitare noie con l'AdE che potrebbero richiedere, nel tempo, un accertamento di valore.

In qualunque caso va indicato comunque nell'atto il corrispettivo pattuito.

Se nell'atto il corrispettivo viene occultato, le imposte ipotecarie, catastali e di registro verranno calcolate sul valore reale di acquisto e non più sul valore catastale.

Inoltre verrà applicata una sanzione dal 50% al 100% della differenza tra imposta dovuta e quella già applicata.

Se invece il valore catastale riportato nell'atto è inferiore a quello reale determinato tramite il corretto calcolo previsto dalla legge, l'accertamento fatto sul prezzo-valore prevede la differenza di imposta dovuta tra il valore catastale riportato in atto e quello corretto.

Come si calcola il Valore Catastale?

Tale calcolo si effettua moltiplicando la propria R.C. ( rendita catastale rivalutata del 5%)per il coefficiente 120

Valore Catastale= R.C.X1,05X120

Esempio:

Valore di acquisto dell'immobile ad uso abitativo (che NON usufruisca dell'agevolazione "Prima Casa") € 100.000 con rendita catastale pari a € 500

Imposta di registri pari al 9%( imposta dovuta negli acquisti ordinari di immobili ad uso abitativo)

R.C. 500x1,05= 525

R.C. rivalutata 525x120=63.000

Valore Catastale € 63.000

Imposta di Registro 63.000x9%= € 5.670

Senza l'applicazione del Prezzo-Valore l'imposta sarebbe di € 9.000



Bruna Boi





22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page