top of page

Rubrica parliamo di...CILA edilizia: cos’è e quando serve


La CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) è uno strumento amministrativo utilizzato nel settore edilizio italiano per comunicare l’inizio di determinati lavori di ristrutturazione o manutenzione straordinaria che non comportano variazioni volumetriche o modifiche alla destinazione d’uso degli immobili.

La Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata è una comunicazione obbligatoria presente in Italia dal 2010.

È una dichiarazione scritta ed inviata da un tecnico abilitato al Comune di riferimento, per poter svolgere dei lavori secondo le normative vigenti.

Una delle condicio sine qua non è che i lavori svolti non debbano coinvolgere le parti strutturali dell'immobile, cambiandone le caratteristiche.

È importante tenere presente che la CILA è obbligatorio presentarla in caso di manutenzione straordinaria o ristrutturazioni.

La omessa dichiarazione o la presentazione tardiva della CILA, ha il costo della sola sanzione di € 1000 più il costo della pratica.


Vediamo ora alcuni dei lavori per cui è obbligatorio presentare la CILA:


Interventi interni ed esterni:

  1. diversa distribuzione degli spazi interni

  2. facciate esterne degli edifici, purché non ci siano particolari vincoli e non si agisca sulla struttura dell’edificio.

  3. Manutenzione straordinaria leggera;

  4. Rimozione delle barriere architettoniche, se non modificano il volume dell’edificio;

  5. Realizzazione di pertinenze minori con volume inferiore al 20% dell’edificio principale;

  6. etc

Non è invece obbligatorio presentare la pratica CILA in quegli interventi considerati di Edilizia Libera.


Quali sono mediamente i costi della CILA?

  • diritti di segreteria del Comune: questi possono variare da zona a zona, per esempio a Milano sono gratuiti, mentre a Roma si deve provvedere al pagamento di 250 euro;

  • parcella del tecnico professionista: anche in questo caso il prezzo è variabile, mediamente si può dire che questo costo è stabilito intorno a 1.000 euro.


Quindi a questo punto, per concludere, è doveroso dire che questa procedura, se pur semplificata sotto molti aspetti, non va sottovalutata perché DEVE garantire la conformità dei lavori eseguiti e questo è possibile proprio grazie all'asseverazione del tecnico che la presenta.


Bruna Boi


fonte:fiscomania.com





9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page